Abbracci di salmone aromatizzati avvolti in zucchine, su letto di crema patate

17 Feb

Non sapevo come chiamare questi spiedini, ma il gusto è proprio quello di un abbraccio buonissimo 😊. 
Semplicissimi da preparare, insieme ad un primo di pennette pesce spada e pomodori e mandorle. 

 Ã¨ stato il secondo che ho preparato per la cena di San Valentino ❤
Veramente apprezzati e… divorati. E quando il tuo compagno ti chiede se ne sono rimasti ancora, direi che posso ritenermi soddisfatta 😬.
Potete prepararli di mattina, conservarli in frigo e infornarli all’ultimo. 
Gli ingredienti sono ” ad occhio”
Ma fidatevi… riuscirete a farli.
Ingredienti per due/ tre persone 

Filetti di salmone senza pelle. Con due filetti di circa 200/250 gr ho preparato 5 spiedini da tre involtino ciascuno.
3 grosse zucchine 
Sesamo 
Pinoli 
50 gr circa Pecorino grattugiato 
2 cucchiai di olio evo 
Pangrattato circa 100 gr 
Sale
Pepe
Prezzemolo 
Olive nere denocciolate .

In una ciotola mescolare il pangrattato con pecorino, sale, pepe, semi di sesamo, pinoli, olive spezzettate (piccolissimi pezzi) assaggiare e aggiustare di sale.
Nel frattempo tagliare ( aiutatevi con una mandolina) le zucchine a strisce lunghe e sottili, non trasparenti ma sottili “spesse” in modo di essere arrotolate senza rompersi.
Tagliare a cubetti di circa 2cm il salmone.
A questo punto stendete una fetta di zucchina, cospargete il composto e sopra un cubetto di salmone. Avvolgete il salmone e fermatelo infilzandolo in un lungo spiedo. 

Una volta preparati tutti gli involtini metteteli su carta forno. Sopra cospargete il pangrattato rimasto e irrorate con un filo di olio.
Infornare a 160 gradi per circa 15/20 minuti. A seconda del forno. Poi continuare La cottura su Grill per altri 5 minuti.


Avevo preparato una Cremina di patate come accompagnamento. Ma è facoltativa! 
Buon appetito 

Annunci

Fusi di pollo con patate, olive e pomodoro

27 Gen

Eccoci qui con un secondo, facile, ancora “invernale” ed economico 🙂
Se anche mia mamma ha spazzolato il piatto, direi che posso tranquillamente consigliarlo anche a voi, se ad es non avete idea di come fare un secondo gustoso, senza eccessive pretese e molto casalingo.
La scarpetta finale del mio compagno, è stata la mia personale gratificazione ^.^
Quando parliamo di fusi, non possiamo considerare un “pezzo” una porzione, fosse una coscia con petto….
Quindi regolatevi da soli sulla quantità.
Noi ne abbiamo mangiate 3 a testa, non è molto se togliamo le ossa, ma considerando che ci sono le patate, è un buon compresso.

Ingredienti .
12 fusi di pollo
3/4 patate medie/grandi
circa 20 olive nere
Salsa di pomodoro a seconda di quanto “rosso” vi piace.
Acqua q.b
dado di pollo granulare o in gelatina.
Farina qb.
Una grossa cipolla bianca
Olio evo q.b
Vino bianco
Pepe
Sale nel caso il dado non bastasse.
Acqua q.b

Infariniamo i fusi e teniamoli da parte. In questo modo quando li soffriggeremo nella cipolla, la farina creerà una sorta di cremina :P.
Tagliate sottili la cipolla e rosolatela fino a farla imbiondire nell’ olio.
A questo punto aggiungete i fusi e rosolati fino a quando non saranno “bianchi” e la pelle leggermente dorata.

unnamed.jpg
Visto la cremina ?

unnamed-4.jpg
Unite il vino bianco e lasciate sfumare a fiamma moderata, abbassate il fuoco unite le patate e olive  e rosolate in modo da lasciarle insaporire per circa 3 minuti.
Unire il dado, la salsa di pomodoro, e aggiungete acqua fino a coprire quasi i fusi.
Avendo usato la salsa di pomodoro in bottiglia, ho usato la stessa bottiglia sporca ancora di salsa come “dosatore” dell’acqua.
Coprite lasciando un cucchiaio di legno  fra il bordo del tegame e il coperchio…
Adesso per un po’ dimenticatelo, ogni tanto però girate il tutto e lasciate cuocere i fusi per almeno 40 minuti.

 

unnamed-2.jpg
Controllate che siano ben cotti e buon appetito 🙂

 

unnamed-3.jpg

 

 

Spaghetti con crema di burrata, basilico e melanzana croccate !

22 Gen

Il primo di oggi è un primo molto sfizioso.
Facile da preparare la sua particolarità è il connubio fra la crema delicata e freschissima della barrata con basilico e il sapore deciso e croccante “pizzicante” quasi, della melanzana fritta.
Sono molto soddisfatta, ed è stato molto apprezzato…direi che è questo quello che conta 😛

Per comodità ho preparato la crema di mattina, visto le temperature invernali, non l’ho conservata in frigo, ma semplicemente coperta con la pellicola trasparente e poi si sa, la barrata cmq non va mai gustata fredda 🙂
Così la sera ho fritto le striscioline di melanzana mentre gli spaghetti erano in cottura.
Semplice no?

ingredienti Per 4 persone
400 di burrata fresca temp ambiente
una melanzana
15 gr di foglie di basilico
circa 15/20 gr di pinoli
olio evo circa 50 gr
sale e pepe q.b
qualche cucchiaio di latte

unnamed-2.jpg

Tagliamo a dadini la nostra barrata e mettiamola in un mixer insieme all’olio extra vergine di oliva, le foglie di basilico, sale e pepe.
Frulliamo il tutto fino ad ottenere una crema morbida.
Per renderla più cremosa ho aggiunto, a poco a poco, circa 3 cucchiai di latte .
Assaggiate e conservatela.

In un pentolino tostate i pinoli mentre in un altro soffriggete la melanzana cercando di ritagliare delle striscioline, tenendo anche la buccia 🙂

unnamed-3.jpg

Versate la crema in una ciotola capiente sufficientemente da contenere la pasta.
Vi direi di riscaldarla ma tenderebbe a rapprendersi, risultando grumosa e non fluida.
A questo punto dovete valutare voi se aggiungere un cucchiaio di acqua di cottura per diluire la crema nel caso fosse troppo compatta oppure versare sopra la pasta colata e amalgamare il tutto unendo i pinoli e parte delle fettine di melanzana.
Conservate le fettine con la buccia da usare come decorazione finale !
unnamed-5.jpg

Torta di Carote e Mandorle

18 Gen

Dopo tempo ritorno con un dolce inaspettato.
Inaspettato perché il commento di mio figlio è stato : ” mamma questa torta devi prepararmela per il mio compleanno perché devo farla mangiare ai miei compagni”
Considerando che non ne vuole di assaggiare carote, i suoi occhi vedono solo panini al salame, yogurt e cose simili….è stata davvero una sorpresa.
Mia figlia grande invece, come prevedevo ( l’ho fatta per lei) ha gradito fin troppo ^.^’
Ammetto che c’è un passaggio un po’ noioso, pelare grattugiare e strizzare le carote.
Ma del resto andranno pesate al netto della strizzatura, ma la seccatura viene ripagata dal profumo dolcissimo e dal sapore delizioso.

Ingredienti per una tortiera da 24 cm

300 gr di Carote pesate già grattugiate e strizzate
150 gr di mandorle pelate
150 gr di farina 00
3 uova  e 1 albume.
90 gr di olio di semi
100 gr di zucchero semolato
70 gr di zucchero di canna ( potete fare anche solo di canna)
una bustina di lievito
una bustina di Vanilina
Un pizzico di Sale

Come vi accennavo, pelate grattugiate e infine, strizzate le carote.
un succo arancione scivolerà via, non so secondo me potevo conservarlo per fare un succo con magari un arancia spremuta e limone …Non ci ho pensato al momento.

Tritate finemente le mandorle come fosse una farina e unite la  farina,  lievito e vanillina.
Tenete da parte questa ciotola con le polveri

In una planetaria montate le uova con lo zucchero, fino ad ottenere una spuma, aggiungete a filo l’olio e amalgamatelo bene.
Unite le carote, mescolate e poi le farine .

versate il composto in una tortiera imburrata e infarinata ( oppure usate lo staccante alimentare grande invenzione !!!!)
Infornate in forno tiepido a 180° per circa 30 minuti, successivamente abbassate a 170 per altri 10 minuti.
Lasciate raffreddare e poi ….gustatela !

 

unnamed.jpg

 

unnamed-1.jpg

 

Caponata di Sedano

16 Lug

Ieri sera, ad una cena fra amici, ho azzardato portando questa caponata di sedano..

Già una mia amica, appena cucinata, aveva infilzato una bella forchettata, rassicurandomi che era squisita…
Ma vedere il mio amico mangiarne 4 cucchiai all’ una di notte, mi ha dato conferma di quanto sfiziosa e gustosa fosse.
Dovete quindi provarla, sempre che il sedano sia di vostro gradimento.
La procedura è molto semplice

Ingredienti per 4 persone :

500 gr di costole di sedano
50 gr di uvetta ( mettetela in ammollo in acqua fredda per dieci minuti)
50 gr di capperi ( se sono salati dissalateli in acqua almeno 10 minuti prima)
100 ml di aceto
Due cucchiai di zucchero
2 cucchiai di lamelle di mandorle
50 gr di olive nere snocciolate

Procedimento

Lavate bene le costole  e tagliatele, lasciatele sbollentare per circa 5 minuti in acqua salata.
Nel frattempo tostate, senza grassi aggiunti,  in un padellino antiaderente le lamelle di mandorle e tenetele da parte.
Ina una casseruola larga scaldate circa 4 cucchiai abbondanti di olio, unite il sedano e lasciatelo rosolare qualche minuto. Aggiungete tutti gli altri ingredienti, capperi, olive, mandorle, uvetta, zucchero e aceto e mescolate  il tutto fino a quando l’aceto non sarà evaporato e lo zucchero ben sciolto lasciando un po’ di sughetto .
Puo’ essere preparato un giorno prima ed è buono servito anche freddo 🙂

 

unnamed.jpg

 

unnamed-1.jpg