Archivio | agosto, 2012

Bavarese all’ Ananas ( bimby )

30 Ago

Ricettina fresca fresca per questo ( ancora breve? ) periodo estivo.
Ottima merenda fra amici 😛 sarà perchè ce la siamo pappata durante una chiacchiera e l’altra, sarà perchè l’ananas a me piace molto, questo dolce è proprio buono buono!
La ricetta è quella del libro base del bimby, ma se avete un pò di dimestichezza con la frusta e la cottura sul fuoco, non avrete problemi a farla anche senza Bimby.
Ecco le dosi per uno stampo da 18 cm, circa 6 persone

250 gr di panna fresca
20 gr di gelatina in fogli
400 gr di ananas in scatola sgocciolata
120 gr di zucchero ( la dose era 150 ma secondo me è troppo dolce )
3 tuorli
1 bustina di vanilina
10 gr di succo di limone

Montante la panna e tenetela da parte in frigo, mettere l’ananas nel boccale ( o in un qualsiasi frullatore ) e frullate 5 sec a vel 5 ( chi non l’ha lo frulli fino a farlo diventare purea )
unite tutti gli ingredienti e in ultimo la gelatina strizzata e fate cuocere 5 minuti a 80°

Senza Bimby mettete tutti gli ingredienti in un pentolino capiente cuocete e mescolate per circa 5 minuti.
Una volta preparate la crema, lasciatela raffreddare e infine aggiungete la panna montata.
Versate il composto in uno stampo in silicone ( in caso aveste una teglia a cerniera è meglio foderarla ) e lasciate in frigo per almeno 3/5 ore prima di servirla

Bavarese all’ Ananas

Annunci

Torta soffice al cioccolato e pere ( bimby )

27 Ago

L’altro giorno mio marito ha comprato un bel pò di pere, e ok, sono buone fanno bene ma non saranno troppe? Eppure ricordando, grazie ad Ida :P, di avere ancora un pò di cioccolato delle uova di Pasqua, il binomio è venuto spontaneo!
Così ho spulciato sul libro base del bimby cercando una torta di cioccolato, con mio stupore ( e chi ci aveva mai fatto caso ) c’era la ricetta proprio di una torta con cioccolato e pere. E’ mia!
Il risultato ? Che ve lo dico a fare?! DIVINO, la torta è venuta benissimo, morbidissima, profumatissima, e pure alta!
E’ stra piaciuta, avevo dato più di metà torta a mio marito da portarsi in ufficio per darla alla bambina e offrirla ( si era  portato la piccola in ufficio ) .
La mia polpettina mi ha telefonato dicendo ” mamma la tua torta era deliziosissima”…e cosa c’è di più bello?
Ecco la ricetta, provatela e fatemi sapere

Ingredienti  tortiera da 24

150 gr di cioccolato fondente a pezzetti
100 gr di burro morbido
200 gr di zucchero
120 gr di yogurt bianco
80 gr di latte
3 uova
1 bustina di vanilina
230 gr di farina ( Molino Chiavazza )
70 gr di fecola di patate ( Molino Chiavazza )
1 pizzico di sale
1 bustina di lievito per dolci
600 gr di pere
cacao in polvere ( facoltativo )
zucchero a velo

Questo è il procedimento con il bimby, senza basta usare un classico robot da cucina cercando di seguire soltanto l’ordine con il quale si inseriscono gli ingredienti .

Mettete nel boccale il cioccolato e tritato 10 sec vel da 5 a 8 , aggiungere lo zucchero, il burro, lo yogurt, il latte le uova e la vanilina. Lavorate il tutto per 40 sec vel 4
Unire la farina pesata insieme alla fecola e il pizzico di sale 1 minuto vel 5 . Per ultimo aggiungere il lievito 10 sec vel 4

Versate metà impasto nella tortiera imburrata e infarinata e adagiatevi sopra le fettine di pere ( io le ho tagliate al momento )

spolverate le pere con del cacao e poi ricopritele con l’altra metà dell’ impasto.
Come nella torta di mele, io ho aggiunto altre fettine sopra l’impasto 😛
Infornare a 170° forno statico per circa un’oretta. Fate la prova stecchino. Dopo un’oretta non era ancora cotta così ho alzato a 180° e lasciato altri 10 minuti.
Ma visto che ogni forno è  a se’, vi consiglio di controllare 🙂

Ecco

visto la fetta? E’ venuta molto alta !

Torta soffice pere e cioccolato

Souffle’ con gamberi all’arancia e asparagi

24 Ago

“…Non fa niente”

Questa frase la dice sempre mia figlia quando combina qualcosa…Ecco ..anche io ho combinato qualcosa, ma posso dire serenamente che non fa niente 😀
Perchè dovevano essere dei piccoli souffle’, ma in pratica erano dei mini tortini!!!
Poco importa, erano deliziosi al punto che mio cugino ha fatto il bis 😀 e l’ indomani, visto che mi era avanzato dell’impasto, i miei ospiti hanno più che gradito.
Il criticone assoluto in famiglia ( non è mio marito 😛 ) ha spazzolato tutto! Quindi, sono orgogliosa di darvi la ricetta di questi ” finti” souffle’ 😛
E’ stato il nostro secondo dopo aver gustato gli spaghetti con cozze rucola e scaglie di grana 😀
Ah non preoccupatevi tanto degli asparagi, non si sentono nè vedono .

Ingredienti per 6 persone ( forse i miei stampi erano piccini, perchè ho preparato 8 porzioni )

3 uova
400 gr di code di gamberi
400 gr di besciamella
10 asparagi
50 gr di grana gratt.
2 noci di burro
Pangrattato per gli stampi
1 arancia

Fate saltare le code di gambero in una padella con le noci di burro, la scorza grattugiata di metà arancia e il suo succo, salate il tutto per circa 2 minuti


Frullate il tutto e tenete da parte.
Lessate gli asparagi per dieci minuti circa, togliete la parte finale più dura e frullateli al mixer. Una volta frullati passateli al setaccio in modo da ottenere una purea.

A questo punto prendete la *besciamella ( potete acquistarla già pronta oppure sotto vi scrivo la ricetta) unite la purea di asparagi, di gamberi le uova ( uno alla volta ) il formaggio

Versate l’impasto negli stampi imburrati e passati nel pangrattato, cuocete in forno a 185 per circa 25/30 minuti

Ecco appena sfornati 😀

Per la besciamella :

400 dl di latte
60 gr di farina
60 gr di burro
1 pizzico di sale
1 pizzico di noce moscata

In un pentolino riscaldate il latte a fuoco basso senza farlo bollire.
In un  altro pentolino fate sciogliere il burro e quando è fuso incorporate la farina, mescolate per un minuto circa e poi unite il latte lentamente girando continuamente per evitare di formare grumi. Cuocete e girate per circa 8 minuti regolando di sale  fino a quando non sarà ben densa .

Cous Cous alla Trapanese

22 Ago

….Chiedo scusa per le foto e se magari non sarò tanto chiara nella spiegazione. Ma non è facile 😉
Sicuramente “vedere e toccare” come preparare il cous cous aiuta parecchio. Ho avuto questa fortuna, perchè per me riuscire a vedere ancora come si fanno certi piatti tipici è una fortuna, di avere mia suocera come insegnante. Una sera, verso le 22.00 si è messa ad incocciare il cous cous, ossia a formare i piccoli granelli caratteristici con la farina di semola. So che si può preparare sia con il bimby che con una normale planetaria. Sinceramente io ho voluto ripetere l’operazione a mano 😛 .
Per incocciare si usa solitamente la mafaradda, un recipiente di terracotta con i bordi ondulati. Ho comprato questa 😀 ed ho comprato una couscoussiera . Se non la trovate basta usare una pentola/ vaporiera come questa della Tescoma, perfetta! dovete avere cura nel controllare che la pentola dove metterete il cous cous aderisca bene alla pentola di sotto, altrimenti il vapore potrebbe fuoriuscire. In caso non preoccupatevi, con farina e acqua preparate un cordone da attaccare per tutto il bordo in modo che il vapore resti contenuto.

Pronti? Allora…
Per il cous cous per 6 persone
500 gr Semola
Acqua

Per darvi i “miei ” tempi…visto che mangiato il giorno dopo il cous cous è più buono , e io avevo ospiti a pranzo la domenica..ho iniziato a preparare il cous cous il venerdì sera tardi.
Nella mafaradda ho messo due pugni di semola e un cucchiaio di acqua

ho iniziato ad incocciare ruotando la mano e “muovendo” le dita con tocco leggero, fino a quando non sentivo formare i granelli. Via via che ruotiamo la mano dobbiamo aggiungere un pò di acqua per mantenere umido e permettere alla semola di staccarsi. Non dovete esagerare con l’acqua ma nemmeno essere tirati.

E’ un gioco un pò di tatto riuscire a capire quando è pronto..

Non so se la foto rende..

Una volta pronto l’ho messo sopra un telo e coperto per tutta la notte .
Il sabato mattina ho preparato il brodo di pesce e cotto il cous cous

Cosa occorre per preparare il brodo.
Prima di tutto il pesce : Possibilmente qualche scorfano, poi merluzzetti, la gallinella, ope , anche l’orata e le triglie…ricordiamoci i gamberetti con tutti i gusci 😛 Potete chieedere in pescheria, io ho fatto un pò e un pò. Ho comprato due scorfani piccoli, una bella orata, qualche triglia e i gamberetti da sgusciare, poi in pescheria mi hanno dato del pesce per brodo.

Ci serviranno degli aromi :
Cipolla
aglio
prezzemolo
un chiodo di garofano
un pò di cannella
pepe nero IN GRANI
peperoncino a piacimento
mandorle senza pelle tritate
polpa di pomodoro o concentrato di pomodoro
due foglie di alloro secco

Ho preparato il brodo in due tempi . Prima ho rosolato la cipolla con l’olio, poi  le mandorle tritate insieme al prezzemolo, tre spicchi di aglio rosola il concentrato di pomodoro, rosolato un attimo e poi ho aggiunto l’acqua ( un litro e mezzo ) il sale, i grani di pepe, l’alloro, un chiodo di garofano una spolverata di cannella . Quando il tutto ha iniziato a prendere bollore  ho unito le teste e i gusci dei gamberetti….
[A questo punto ho iniziato la cottura del cous cous. Ho raccolto e condito il cous cous  con sale e olio a crudo, mescolate bene con le mani facendo attenzione a non schiacciarlo e assaggiatelo spesso di sale, in seguito unito i gamberetti sgusciati . Poi ho messo il cous cous dentro “il cestello” della vaporiera, fatto 4 fori aiutata con il manico del cucchiaio di legno, messo qualche foglia di alloro  e ho portato l’acqua a bollore. Dovete stare attenti e calcolare bene la quantità di acqua che mettete perchè se è troppa il suo bollore può toccare il cous cous inumidendolo e rendendolo poltiglia . Quando il vapore uscirà dai buchi, abbassate la fiamma, coprite i buchi e mettete il coperchio. Deve cuocere per almeno un ora e mezzza. Ogni tanto giratelo con un cucchiaio di legno e delicatamente ]
…Dopo un’oretta ( siamo tornati al brodo ) ho assaggiato cercando di capire se mancava qualcosa, ad es il sale, oppure un pò di spezie. Ho fatto filtrare il brodo e passato nel passaverdure tutti resti delle teste e dei gusci ricavando così proprio il succo. Ho rimesso il brodo nella stessa pentola e unito il succo ottenuto e portato a bollore . Ho unito a questo punto i pesci e cotto per circa mezz’ora.

Cercando di mettere prima i pesci che richiedono tempi di cottura più lunghi e in seguito quelli più teneri e veloci da cuocere.
Ho ri-filtrato il tutto conservando  i pesci cotti . Ecco il brodo

Adesso abbiamo il brodo pronto e anche il cous cous che abbiamo rimesso nella mafaradda. Versate un pò di brodo bollente nel cous cous e girate…dovete cercare di fargli assorbire il brodo, anche qui occhio…non dovete farlo annegare nel brodo di pesce ma nemmeno dovete privarlo anche perchè con il brodo il cous cous gonfierà molto 😛
Una volta fatto assorbire il brodo mettete dei cucchiai di legno di sopra

e coprite con una coperta di lana per trattenere tutto il calore .
Ogni venti minuti controllate, se è troppo secco unite ancora del brodo caldo.
Lasciatelo riposare almeno un’oretta…

A questo punto ho pulito il pesce privandolo delle spine ( ho pulito in realtà l’orata, un merluzzo e lo scorfano) spezzettato e unito al cous cous.


Ad es io una volta freddo, dopo circa 3/4 ore l’ho conservato in frigo e riscaldato l’indomani al momento.
Avevo comrpato qualche cozza e qualche mazzancolla che ho cucinato spadellandoli con del  burro e poi unito come guarnizione :PAccompagnate il piatto con il brodo caldo sul tavolo, ciascuno commensale penserà da solo a servirsene.


Potete anche fare il brodo senza peperoncino e aggiungere un pò di questo in una ciotola con del brodo a parte, c’è sempre a chi piace un pò piccante.
Non è stato facile cercare di spiegarvi il tutto, spero di essere stata almeno un pò chiara, in caso sono qui 😀 per ogni domanda, consiglio, curiosità ecc ecc
E qui con il brodo piccante ( ovviamente non si vede la differenza 😀  ma si sente !!!!)

Barca a vela di prosciutto e melone

21 Ago

Ecco un idea simpatica per presentare un classico antipasto all’ italiana 😀
Delle barchette a vela…di prosciutto e melone.
Gli ingredienti sono sempre gli stessi, unici nel loro genere .
Prosciutto crudo, melone e stuzzicadenti . Cercavo quelli decorativi, ma non li ho trovati 😦 Così ho usato quelli per fare gli spiedini , tagliandoli a piacimento 🙂

Basta tagliare il melone dalla base, poi in tre grossi tocchetti . Avvolgiamo ogni pezzo con il prosciutto e infilziamolo 😛