Frittelle (o pallette?) di carnevale

6 Feb

Ebbene si, nei prossimi giorni vedrete qualche ricetta tipica di questo periodo: Carnevale 😀
Oggi ho preparato queste frittelle e non per i bambini (che cmq hanno più che gradito) ma per mio padre! Lui golosone di frittelle. Ne ho approfittato perchè questa sera è venuto a cena da noi e ho voluto viziarlo 😉
Sono molto facili, ma dovrete aver pazienza perchè devono lievitare almeno un paio d’ore per essere veramente veramente soffici.
Presto farò anche le chiacchiere così viziamo la mamma questa volta.

Ingredienti per circa 6 persone:
– 250 gr di patate (qualita’ per gnocchi, quelle che si sfaldano)
– 250 gr di farina
– un cubetto di lievito (25 g)
– grattatina di scorza di limone o vanilina
– Latte tiepido per stemperare il lievito
– e un pò di latte per amalgamare l’impasto
– circa 70 gr di zucchero semolato
– Zucchero semolato (o se preferite a velo) per decorare

Prima di tutto dobbiamo fare bollire la patate, in modo classico. Con la buccia lavate e strofinate.
Quando sono pronte le peliamo e passiamo nello schiacciapatate  e aspettiamo che si raffreddino un pò.
Nel frattempo in una grossa ciotola uniamo gli ingredienti: farina con lo zucchero, un pò di sale e il lievito stemperato.. Uniamo le patate e impastiamo.


Aggiungiamo tanto latte fino ad ottenere un’impasto omogeneo (ho dimenticato di fare la foto). Copriamo con carta trasparente e lasciamo lievitare almeno due orette o fino a quando non duplica/triplica il volume.

A questo punto riscaldiamo in una padella dell’olio di semi e poi, aiutati con un cucchiaino, versiamo l’impasto.

Se non vogliamo che le frittelle vengano con forme tutto strane come questa


prendiamo l’impasto sempre con il cucchiaino ma poi con la mano cerchiamo di fare una palletta 😀

Una volta fritti spolveriamo con lo zucchero …

Non ne è rimasta nemmeno una !

Annunci

8 Risposte to “Frittelle (o pallette?) di carnevale”

  1. orimnaoj 7 febbraio 2012 a 18:19 #

    gnam mi sta venendo una voglia… 🙂

  2. Selene 7 febbraio 2012 a 20:16 #

    mmmm allora perchè non le fai 😉 😀

  3. silvia 8 febbraio 2012 a 11:10 #

    ciao cara ma sai che la ricetta è simile a quella delle mitiche sfinge natalizie? solo che in questo caso occore mooolto olio di gomito per sbatterle bene…a questo punto mi faccio le tue frittelle, tanto son certa che non mi deluderanno! e brava! avevo proprio voglia di fare qualcosa per carnevale!

  4. Angelo Pampalone 8 febbraio 2012 a 12:36 #

    Olio di Gomito? Frullatore con le palette in plastica dico io!

    … ed Anice! Serve l’anice per le sfingie Nataline! 🙂

  5. Selene 8 febbraio 2012 a 12:40 #

    Eccomi !
    Ahahah ecco appunto !! Cognatina stavo proprio per dirti che anche il mio amico Angelo ( ciau Angelo ^_^ ) mi aveva fatto notare questa similitudine ( o copiatudine? aahh )
    io non, mai fatte nè le une nè le altre però posso dirti che queste erano buone buone !!!!

    per quanto riguarda la lavorazione cosa intendi? Io ho lavorato per bene l’impasto …se era troppo duro aggiungevo un pò di acqua fino a quando non era come una sorta di impasto per pizza e poi l’ho fatto lievitare Tanto tanto …

    Ma poi le sfingi come le farcisco???? nel caso volessi farle qualche volta? Di crema o di ricotta ??

  6. Selene 8 febbraio 2012 a 12:40 #

    ah aggiungo che questa ricetta l’ho trovata su un vecchio e ultra maggiorenne libro di ricette tipiche del periodo di carnevale 😛

  7. Angelo Pampalone 8 febbraio 2012 a 19:26 #

    Allora le sfingi non si riempiono di farcitura! Ne si ricoprono di robette strane

    Quando sono calde fumanti ognuno ne prende una e la puccia in un vassoietto di zucchero e cannella le cui proporzioni variano da posto a posto ma stanno dal 50% e 50% al 75% zucchero 25% cannella

    Alltra cosa le sfingi si fanno di solito a forma toroidale (come le ciambelle col buco al centro), una vera arte é quella di “ittarle” nell’olio bollente e fargli prendere la forma corretta al volo usando solo le mani.

    • Angelo Pampalone 8 febbraio 2012 a 19:29 #

      (mi è partito il post 😦 )
      senza ustionarsi o farle venire con forme che ricordano i grandi antichi descritti da Lovercraft.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: