Cordon Bleu

15 Mag

Quali sono le vostre soddisfazioni culinarie?
Per me è che riescano a mangiare i miei figli! Non è che siano di gusti difficili, ma si sa , c’è troppa scelta in casa e ogni volta è un dilemma e siccome le cose “comprate” per loro spesso sono le cose più buone , perchè non imitarle?
Avevo letto da qualche parte la ricetta per fare i Cordon Bleu in casa così mi cimento nella preparazione .
Il marito ha ben gradito …e nonostante sembrasse ( lo era ) grosso , se l’è pappato tutto !!!

Tutto genuino e niente frittura , solo forno !

Ingredienti per 4 persone

500 gr petto di pollo o tacchino
80 gr di parmigiano
1 uovo;
un pò di farina   circa un cucchiaio
Sale ( assaggiate per dosarlo bene )
Fette di prosciutto
3/4 Fette di sottiletta oppure di camoscio d’oro a fette, oppure provola insomma a vostro gusto .
1/2 uova e pangrattato per la panatura

Mettiamo nel frullatore ( o nel bimby ) il petto di pollo già tagliato a dadini per facilitarne la” tritatura”
Unire  il parmigiano gratuggiato, l’uovo, la farina ed il sale frulliamo bene il tutto. Risulterà un composto appiccicoso .
Formiamo delle fettine alte circa 5 millimetri ( in numero pari ovviamente per un cordon bleu due fette di pollo )
vi adagiamo sopra il prosciutto e il formaggio e richiudiamo con l’altra fettina facendo in modo che i bordi restino ben chiusi .
L’unica accortezza è proprio quella di chiudere bene i bordi per evitare che il formaggio fuoriesca durante la cottura , basta un pò di pratica e attenzione che non succede 😉
Passiamo i cordon bleu nelle uova  sbattute e poi nel pangrattato
Spennelliamo la carta da forno con un po’ d’olio d’oliva
ci appoggiamo la fettina e spennaliamo d’olio la superficie.
Io ho accompagnato con una leggera insalatina di Iceberg 😀

Cuocere per 20/25 minuti a 180°…

Annunci

5 Risposte to “Cordon Bleu”

  1. Angelo Pampalone 26 febbraio 2012 a 21:10 #

    Ciao Selene, grazie per questa ricetta, ho provato a Dukanizzarla.
    Cioè niente formaggio, solo albume, formaggio light è a pasta molla…)
    crusca d’avena invece della farina.

    Purtroppo devo aver messo troppo albume con lil pollo è mi è venuto un composto decisamente mollo.
    Allora l’ho steso direttametne sulla carta da forno, prosciutto sagomato ad arte, formaggio light spalmato sopra, altro prosciutto ritagliato con le forbici come il primo per non far stare il formaggio a contatto diretto col pollo che è liguido lui e morbido il pollo e volevo scongiurare compromissioni strutturali del rivestimento.
    Altro composto di pollo bello spalmato sopra con una cucchiara di legno.
    Non me la sono sentita di provare a spostare sua blobbosità per una immersione, per quanto veloce, nell’albume pertanto l’ho coperto a neve di crusca, piegata in due la carta da forno su cui era adagiato il “se lo guardi con la coda dell’occhio magari ti sembra un cordon bleu in divenire” lo rigiro e anche da wuesto lato una pioggia di crusca lo ricopre sofficemente. Tampono un pochetto con le mai ed inforno.

    Aspetto

    Ok, vediamo com’é venuto… la crusca non ha preso la doratura (egrgazie uovo nada!) ms si è attaccata sufficientemente. Il sapore è ok tranne che per il formagio che ha un bel sapore acidulo che stona col resto.

    Tirando le somme la ricetta originale è valida, la variazione è ok per i dukanin ma a patto di trovare un formaggio che stia bene nel cordon bleu.

    Grande Selene!

  2. Angelo Pampalone 26 febbraio 2012 a 21:12 #

    AH! Dimenticavo, la mia versione della ricetta è ok per la fase datt’acco delal dieta Dukan / Protal

    • Selene 26 febbraio 2012 a 21:19 #

      Grazie a te 😉
      Piuttosto riduci appunto l’albume ed è già un passo.
      Poi secondo me dovresti provare a fare il formaggio spalmabile in casa
      basta usare un vasetto da 500 gr di yogurt magro e unire due cucchiaini rasi di sale fino. Lascia sgocciolare il tutto dentro una garza per due giorni o più ( cambia il liquido che spurga almeno una volta al giorno ) ..il risultato è un formaggio spalmabile simil philadelphia . Mi è capitato di usarlo dentro alcuni impasti perchè non amando il gusto del formaggio ho ovviato così e mi sono trovata bene .
      L’ho usato pure dentro gli involtini 😛

      Cmq , come hai detto tu, la prossima volta verrà meglio e magari potrai girarlo nell’uovo e poi mettere la farina di avena :*

      • Angelo Pampalone 26 febbraio 2012 a 21:27 #

        Prego!.

        La FARINA di avena non è permessa nella fase della dieta in cui sono, la crusca si.

        Per la fgarza, dici di metterlo in un colino e farlo spurgare, ma poi dici di cambiar eacqua, ma se lo metti in un colino l’acqua non sgocciola via?

      • Selene 26 febbraio 2012 a 21:36 #

        eh si hai ragione mi sono espressa male , butta via l’acqua che spurga 😛
        perchè a volte se ne accumula tanta che “tocca” la garza e viene quindi assorbita. In realtà deve diventare denso al punto di essere spalmato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: